Archivi tag: bookrepublic

10 scrittori ai quali darei la Laurea ad honorem al posto di Fabio Volo

fabio voloA dare la notizia è lo stesso Fabio Volo: un rettore di una non specificata Università italiana lo avrebbe contattato dicendosi intenzionato a consegnargli una Laurea ad honorem come premio per il suo lavoro come autore letterario e come speaker radiofonico. Continua a leggere 10 scrittori ai quali darei la Laurea ad honorem al posto di Fabio Volo

Stay hungry, Stay foolish, Stay iDiots: il conformismo alla Steve Jobs

idiotsSteve Jobs ha rivoluzionato il mondo della comunicazione: grazie a lui ascoltiamo diversamente, telefoniamo diversamente, utilizziamo il pc diversamente, ci guardiamo diversamente, parliamo diversamente, socializziamo diversamente. Ma quanto i prodotti Apple condizionano il nostro vissuto? Quanto ci limitano e quanto invece valorizzano la nostra quotidianità? Continua a leggere Stay hungry, Stay foolish, Stay iDiots: il conformismo alla Steve Jobs

Fabio Volo scrive sul Corriere e i big abbandonano il New York Times: il legame c’è

voloLo dico senza la spocchia arrogante di chi vuole fare solamente lo snob, ma se Fabio Volo può pubblicare un articolo sulla pagina culturale del Corriere della Sera, io posso tranquillamente dirigere il quotidiano di Piazza Solferino. Continua a leggere Fabio Volo scrive sul Corriere e i big abbandonano il New York Times: il legame c’è

Quando l’autore scrive un capitolo a capocchia

genesisSia ben chiaro che la mia non vuole essere una critica, ma una velocissima considerazione. Leggere tenendo conto non solo degli aspetti narrativi, ma cercando di comprendere anche gli schemi che portano alla composizione di un romanzo induce il lettore a porsi alcune domande e non sempre è possibile trovare delle risposte. Continua a leggere Quando l’autore scrive un capitolo a capocchia

Educazione Siberiana, come quando manca l’intreccio narrativo

gioeleHo dovuto aspettare sei mesi, leggere altri quindici libri e vedere il film per riuscire a tracciare un giudizio di Educazione Siberiana, il romanzo di Nicolai Lilin edito da Einaudi. Nel frattempo lui ha avuto il tempo di diventare un conduttore televisivo e di sgonfiarsi, almeno per il momento, come un palloncino che rimbalza su una pala di fico d’India.  Continua a leggere Educazione Siberiana, come quando manca l’intreccio narrativo

Come un alieno a Genova

etVi propongo un racconto che ho scritto per partecipare al Concorso Letterario “Onda d’arte 2013”. Ogni partecipante ha dovuto presentare un testo narrativo partendo dal seguente incipit:

“Genova, esterno giorno. Quella che, a tutti gli effetti, possiamo definire un’astronave aliena, è appena atterrata in piazza De Ferrari; è lì da ore, ed è circondata da forze dell’ordine, istituzioni, sindaco in testa e, ovviamente, curiosi. In un silenzio irreale si apre il portello e…”

Mi sono divertito molto a scriverlo e il vincolo iniziale ha reso il processo creativo una vera e propria Tempesta di Cervelli. Vi auguro una buona lettura.. Continua a leggere Come un alieno a Genova

Il Grande Gatsby, ieri come oggi tra indifferenza e tradimento

gatsby“Sono un branco di schifosi” – gli gridai attraverso il prato – “Tu da solo vali più di tutti loro messi insieme”. Semplice e banale, in una frase Francis Scott Key Fitzgerald racchiude la morale di un romanzo, Il Grande Gatsby, che è una critica delicata e feroce alla società statunitense degli anni a cavallo tra il 1920 e il 1930. Attenzione però perché nulla è cambiato: qualcuno ancora oggi ambisce agli stessi vizi. Continua a leggere Il Grande Gatsby, ieri come oggi tra indifferenza e tradimento

La Scimmia pensa, la Scimmia fa: Palahniuk non è un maschilista

palahniukHo terminato di leggere La Scimmia pensa, la Scimmi fa di Chuck Palahniuk e questa è una buona notizia perché vuol dire che la smetterò di ammorbarvi con citazioni tratte dal libro e con deduzioni nate spontaneamente. Rispetto a quelle che sono le mie abitudini ci ho messo parecchio a leggerlo, ma sono arrivato alla conclusione che i motivi siano principalmente due: il grigiore di molte giornate torinesi (quando è nuvolo, piove e fa fresco mi rattristo); me lo sono proprio gustato. Continua a leggere La Scimmia pensa, la Scimmia fa: Palahniuk non è un maschilista